Incontri di accompagnamento al parto e alla genitorialità

Nell’ ultimo ventennio in Italia si è assistito, senza dubbio, ad una riduzione netta dei rischi materno-infantili in ambito ostetrico.Tuttavia, nonostante la quasi totalità delle donne entri ormai in contatto con un operatore sanitario nei tempi raccomandati ricevendo un’ adeguata assistenza pre ~ intra e post natale , numerose indagini , condotte a livello nazionale al fine di valutare la qualità dell’ assistenza al percorso nascita, mettono in luce aspetti critici relativi all’ appropriatezza dell’ assistenza rispetto ad un evento di tale rilevanza psico-sociale.Si registra una carenza di informazioni e conoscenze tra le donne che vengono ancora troppo spesso escluse dai processi decisionali. A questo aspetto si accompagna una carenza di supporto psicologico e sostegno in particolar modo alla genitorialità, processo che deve essere maturato da parte di entrambi i partner nell’ arco dei nove mesi di gestazione e nel periodo successivo alla nascita, e all’ allattamento, espressione più compiuta di un buon processo di empowerment.La maggior consapevolezza della donna ed il recupero del suo ruolo di protagonista attivo nella gestione dell’ evento nascita sono invece condizioni essenziali per garantire un’ assistenza ottimale, non invasiva e di prevenzione relativamente ai rischi pre- intra e post-partum , siano essi di natura strettamente fisica o di natura psico-fisica.Numerosi studi ormai hanno identificato nei corsi di accompagnamento alla nascita e alla genitorialità il mezzo migliore per raggiungere tale consapevolezza nella coppia . La Letteratura conferma che una maggior conoscenza comporta un maggior “controllo” sull’ evento nascita, evento che proprio per la sua unicità e novità potrebbe generare preoccupazioni ed ansia.E’ scientificamente dimostrato che le donne che frequentano i corsi di accompagnamento alla nascita hanno:

Una minore percezione del dolore durante il travaglio data dalla consapevolezza di cosa sta succedendo.
Una maggiore consapevolezza sulla scelta del luogo del parto e la possibilità di vivere il parto in modo attivo.
Un minor rischio di taglio cesareo.
Minor rischio di vivere disagi emotivi subito dopo la nascita ( si parla di Baby Blues: un disturbo frequente e transitorio dopo parto che insorge in circa il 70% delle puerpere 2-3 giorni dopo il parto, e rappresenta un corteo sintomatologico costituito da alterazioni dell’umore, ansia, tristezza, irritabilità, facilità al pianto, agitazione immotivata nei confronti del neonato, del partner, dei familiari in genere, inclusi altri figli….)
Minor rischio di disturbi depressivi maggiori dato da un intervento preventivo di presa di coscienza delle proprie capacità e possibilità dei cambiamenti a cui si andrà incontro, delle possibili soluzioni, ma soprattutto dato dalla certezza di ritrovare nell’ equipe un punto di riferimento e un continuum assistenziale anche nel dopo-parto.
Allattamento precoce (fattore direttamente connesso con il successo dell’allattamento stesso) e aumenta anche il numero di quelle che fanno un allattamento esclusivo durante la degenza e fino ai 3 mesi ed oltre.
Minore numero di gravidanza indesiderate dopo il parto.

Il corso di accompagnamento alla nascita ,che con la presente vi presentiamo in qualità di ostetrica e psicologa, si propone di offrire alla donna e alla coppia un servizio a tutto tondo, omnidirezionale che dà la possibilità alla donna e alla coppia di vivere con consapevolezza la gravidanza, il parto e la nascita non solo del bebè, ma anche e soprattutto di una nuova famiglia, di un nuovo equilibrio.

Si tratta di un corso teorico-pratico sviluppato in 8 incontri, 6 prima del parto e 2 post-parto in cui tratteremo tematiche legate al neonato e alle nuove esigenze psico-fisiche della mamma.

All’interno del nostro impegno a prenderci cura delle triade mamma, padre e bambino, sarà insegnato ai genitori il massaggio bioenergetico dolce secondo la pratica di Eva Reich che agevola una sintonizzazione psico-fisica del bambino alla madre e previene difficoltà fisiche tipiche dei primi momenti di vita del bambino come insonnia, colichette gassose, irrequietezza etc.

Dott.ssa Maria Concetta Convertino-Psicologa

Operatrice Baby Massage

Dott.ssa Marta Terribile –Ostetrica

Bibliografia:

Gandolfo M. , Donati S. e Giusti A. (Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di Sanità) ; INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 . ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI.

Lauria L. , Lamberti A. , Buoncristiano M., Bonciani M. e Andreozzi S. (Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute) ; Percorso nascita: promozione e valutazione della qualità di modelli operativi. Le indagini del 2008-2009 e del 2010-2011.

Mele A. ( Istitituto Superiore di Sanità) ; LINEE GUIDA DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA, aggiornamento 2011.

Sheila Kitzinger, IL BAMBINO L’ATTESA E LA NASCITA, Mondadori, 2003 Milano

Aggiungi commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *

Telefono: 3476047847
Via Salaria, 219 – Monterotondo Scalo